DOT

Distruttori Termici di ozono: serie DOT



Il gas che fuoriesce dal sistema di contatto deve essere liberato da ogni rimanente traccia di ozono nell’impianto di distruzione dell’ozono. La sua eliminazione si basa sul principio della decomposizione termica . Poiché la reazione di decomposizione procede ottimamente solo a partire da una certa temperatura, il gas deve essere riscaldato con uno scambiatore di calore. I distruttori di ozono della serie DOT lavorano ad una temperatura di 360 °C, e sono indicati per trattare portate di ozono comprese tra 330 Nl/h e 50 Nm3/h.

L’impianto consiste nelle seguenti parti:

-          riscaldatore del gas

-          reattore

-          centralina di controllo (verifica in continuo la temperatura del riscaldatore e del gas)